18 aprile 2018

Blueberry pie {torta di mirtilli}



I dolci di frutta sono i miei preferiti...e poi.....io ho una passione per i dolci americani ripieni di frutta.
La torta ai frutti di bosco credo sia la mia preferita...impossibile resistere a una bella fetta di torta di mirtilli con tutto quello sciroppetto che cola lentamente giù dalla fetta...
Solitamente io tendo ad usare qualsiasi frutto del bosco, anche se la mia preferita rimane una versione realizzata interamente con more o mirtilli selvatici. In questo caso ho usato un 60 % di mirtilli e il restante 40% una miscela di lamponi, more e ribes. Sbizzarritevi a provarla con la frutta che gradite di più!!
Se usate frutti di bosco surgelati fateli scongelare bene su un colino prima di usarli, altrimenti rilasceranno troppo liquido in cottura, e poi pesateli.
Per la quantità di zucchero regolatevi secondo la frutta che userete; se usate una miscela che contenga anche lamponi aumentate leggermente la quantità.
Per quello che riguarda la crosta metto più sotto la ricetta che uso più spesso, ma se voi ne avete una vostra super collaudata usate pure quella.
Felice serata a tutti!!

Blueberry pie
{torta di mirtilli}



Per la crosta:

Per il ripieno:
  • 150 g di zucchero, preferibilmente di canna 
  • circa 1,5-1,7  kg di frutti di bosco 
  • 100 g di amido di mais
  • 1/2 cucchiaino di cannella
  • la punta di un cucchiaino di sale
  • qualche goccia di succo di limone 
  • 30 g di margarina o burro all'olio di cocco
Togliete la margarina dal frigo 15 minuti prima di preparare l'impasto, a meno che non faccia troppo caldo.
Setacciate la farina con il sale; questo passaggio serve a far respirare meglio l'impasto e a renderlo croccante e leggero.



Aggiungete la margarina a pezzettini e incorporatela alla farina usando la punta delle dita sollevandolo e lasciandolo cadere nella terrina, fino a quando l'impasto non avrà assunto l'aspetto di tante molliche.





Aggiungete 2-3 cucchiai di acqua e incorporatela con un coltello a lama piatta, tagliando l'impasto più che mescolarlo, facendo ruotare la terrina.



Il composto assumerà un'aspetto granuloso, unite qualche altro cucchiaio di acqua, sempre tagliando l'impasto e valutate la consistenza tenendone un pezzetto tra le dita,



se non rimane compatto dovete aggiungere un po' d'acqua, facendo in modo però che non risulti eccessivamente umido altrimenti una volta cotto diventerà appiccicoso e si ridurrà di volume,
se invece l'impasto è troppo secco si sgretolerà al momento di essere steso.
Si tratta di trovare la giusta proporzione di acqua, che può variare in base all'assorbimento della farina. Quando l'impasto avrà raggiunto la giusta consistenza formate una palla senza lavorarla, solo pressandola.


Avvolgetela nella pellicola e mettetela in frigo per 20-30 minuti (in estate almeno 30 minuti).
Non saltare questo passaggio perché serve a stendere meglio l'impasto ed evitare o limitare che si riduca di volume una volta infornato.

Preriscaldate il forno a 200°C e posizionate la griglia nel ripiano inferiore.
Preparate il ripieno unendo la frutta, il sale, la cannella, lo zucchero e l'amido di mais. mescolate  e mettete da parte.
Dividete l'impasto in 2 parti, una leggermente più grande dell'altra, e stendete la parte più grande tra 2 fogli di carta forno oppure su una superficie infarinata, io preferisco stenderlo su un solo foglio di carta forno e spolverizzare leggermente di farina il mattarello. Non tiratela troppo finemente. Stendete anche l'altro disco di pasta e mettetelo in frigo
Foderate uno stampo da 25-27 cm con la parte più grande, riempite con le bacche e spruzzate il succo di limone.



Distribuite la margarina a pezzetti, spennellate il bordo della torta con un po' d'acqua, coprite con l'altro disco e sigillate i bordi creando un bordo ondulato. Se vi avanza della pasta usatela per delle decorazioni.
Spennellate la crosta con un po' di latte vegetale e praticate delle fessure con un coltello. Infornate per circa 25 minuti, controllatela e se colora troppo abbassate leggermente la temperatura, coprite con alluminio e spolverizzate la superficie con un po' di zucchero.
Proseguita la cottura per altri 25 minuti o fino a quando la torta risulterà dorata.
Fate raffreddare e servite con un po' di panna vegetale montata.


17 aprile 2018

Gnocchi di patate e bruscansi (gettiti del luppolo selvatico)



Ieri giornata splendida!! La voglia di uscire per una passeggiata in campagna era troppo forte, amo camminare in aperta campagna, respirare il profumo della terra, dei fiori, ascoltare i suoni della natura, queste sono le cose a cui non potrei mai rinunciare.
Il tempo di preparare un cestino con un veloce pranzo al sacco ed eccoci immersi nella natura.
Naturalmente è stata anche una splendida occasione per raccogliere le varie erbe che la natura ci offre in questo periodo, tra queste i bruscansi (gettiti del luppolo selvatico) con cui si possono preparare buonissimi risotti, torte salate e anche degli ottimi gnocchi.


Ingredienti per 3 persone:

  • 600 g di patate farinose
  • 150 g di bruscansi lessati o cotti a vapore scolati e tritati finemente
  • 200 g di farina (quantità che può variare) 
  • 50 ml di olio di oliva 
  • 2 cipolle affettate sottilissime
  • 2 cucchiai di pane grattugiato
  • 100 g di formaggio vegan da grattugia 
  • mezzo bicchiere di brodo vegetale
  • sale, pepe

Lavate le patate e lessatele con la buccia in abbondante acqua salata, sbucciatele e schiacciatele poi fatele intiepidire.
Amalgamate i bruscansi e la farina, salate e lavorate il composto fino ad ottenere un impasto omogeneo, se risulta troppo appiccicoso aggiungete qualche altro cucchiaio di farina.
Formate delle palline di circa 5 cm di diametro e disponeteli su una superficie infarinata
Scaldate l'olio in una pentola di coccio, oppure una pentola che poi possa andare in forno, e fate appassire le cipolle a fuoco basso per circa 30 minuti ,aggiungendo il brodo.
Intanto preriscaldate il forno a 200°C.
Portate ad ebollizione una pentola con abbondante acqua salata e cuocete gli gnocchi pochi alla volta estraendoli appena affiorano in superficie. Scolateli e disponeteli nel tegame delle cipolle facendoli rosolare un po'.
Cospargeteli con il pane, il vegformaggio e fateli gratinare leggermente in forno per circa 10 minuti. Serviteli caldissimi e se ve ne avanzano un po' vi assicuro che il giorno dopo sono ancora più buoni!!!
Felice giornata a tutti!!!